Fiori e piante - L'edicola di Limone Piemonte

Vai ai contenuti

Menu principale:

Catalogo articoli
In cerca dei fiori 28 escursioni floristiche da Capo Noli al Monviso 2017 Natura e ambiente Formato 14 x 22 cm 208 pagine € 17,00
Una guida che è anche un manuale di riconoscimento. Tra Spotorno, in Liguria, e la zona del Monviso si estende un arco di montagne di 200 km di lunghezza. Formato dalle Alpi Liguri, Marittime e Cozie meridionali, interessa le province di Savona e Imperia, la francese Valle Roya e le numerose vallate della provincia di Cuneo. Anche per chi è da tempo abituato a frequentare questi luoghi, risulta arduo immaginare un terreno di avventure naturalistiche più vario: in 8000 km quadri sono presenti più di 3000 specie vegetali.
Le particolari caratteristiche geomorfologiche del Ponente ligure e del Piemonte sudoccidentale hanno reso questo territorio una strabiliante culla di biodiversità, dove a seconda delle stagioni è possibile trovare specie rare, endemismi, relitti glaciali, essenze mediterranee a pochi metri di distanza da specie alpine. Dalla costa alle vette, passeggiate ed escursioni diventano un modo non solo per godere di bei panorami, ma anche per andare in cerca di fioriture: i 28 itinerari proposti dalla guida uniscono alla descrizione del percorso quella delle specie botaniche, illustrate da un ricco apparato fotografico che rende il libro anche un pratico manuale di riconoscimento. Gli autori -  Giorgio Pallavicini, appassionato di fotografia e botanica, ha contribuito alla realizzazione dei volumi di Blu Edizioni Phytoalimurgia pedemontana e La vegetazione delle Alpi Liguri e Marittime. Marziano Pascale, membro della Società Botanica Italiana e dell’Associazione Naturalistica Piemontese, da circa 40 anni svolge ricerche botaniche soprattutto nelle vallate alpine della provincia di Cuneo. Sue collezioni floristiche si trovano a Torino nell’Herbarium Pedemontanum e nell'erbario del Museo di Scienze Naturali. Renzo Salvo, amante della natura, della montagna, della botanica e delle fotografia. Collaboratore del forum «Actaplantarum», è coautore di diversi saggi sulle piante spontanee del Piemonte meridionale. Adriano Sciandra, membro della Società Botanica Italiana, dell’Associazione Internazionale dei Giardini Botanici Alpini e dell’Associazione Naturalisti Piemontesi, è esperto in ricerche floristiche.
Fiori delle Alpi Liguri e Marittime Costo: 15 euro Pagine: 176
Le Aree Protette delle Alpi Marittime hanno appena pubblicato con L'Artistica editrice la guida Fiori delle Alpi Liguri e Marittime - Specie rare e itinerari tra Marguareis e Argentera in edizione bilingue italiano/inglese. La guida a cura del botanico Ivan Pace è stata realizzata dal Centro per la Biodiversità Vegetale che ha sede presso il Parco Marguareis nell'ambito di un progetto ci collaborazione con la Millennium Seed Bank dei Royal Botanic Gardens di Kew (Regno Unito), tra le più importanti istituzioni di ricerca in biologia vegetale esistenti al mondo.La guida nasce con l'obiettivo di contribuire a far conoscere agli appassionati di tutto il mondo, per questo è stata fatta in edizione bilingue italiano-inglese, la bellezza e le peculiarità delle specie vegetali e degli habitat naturali delle Alpi Liguri e Marittime. Fiori delle Alpi Liguri e Marittime è organizzata in tre sezioni. La prima introduce al territorio delle Alpi Liguri e Marittime e alle attività condotte dal Centro per la Biodiversità Vegetale del Parco per salvaguardarne l’integrità. La sezione centrale, organizzata per ambienti, è dedicata alla flora spontanea e propone 52 schede dedicate alle più significative entità della flora del sud del Piemonte, accompagnate da foto, disegni e brevi note di approfondimento. La terza sezione illustra quattro itinerari floristici scelti per far scoprire sul campo molte delle specie descritte nelle schede e per invitarlo alla visita dei giardini botanici delle Marittime: le stazioni botaniche alpine nei pressi del rifugio Garelli, il giardino fitoalimurgico e il vivaio di flora autoctona a Chiusa Pesio, Valderia a Terme di Valdieri. Piccoli scrigni della flora più significativa del Parco.
Torna ai contenuti | Torna al menu